domenica 5 luglio 2009

Thot/Hermes Trimegisto

 

Il verbo “them” in albanese si traduce con dire, ma anche con raccontare, pensare, giudicare. “Thotë” perciò vuol dThotire che qualcuno racconta, pensa, giudica.

Se diamo un’occhiata da vicino agli attributi della divinità egizia Thot, non potremo fare a meno di notare la grande somiglianza che questi hanno con la parola albanese thotë (dice).

Thot è noto come il dio della sapienza e della scrittura. Viene rappresentato con la testa di Ibis e, molto spesso, nelle sue raffigurazioni è presente anche Anubi, divinità con la testa di sciacallo che aveva il compito di accompagnare i defunti davanti al tribunale supremo degli dei.

Nell’epoca greco-romana, il dio Thot era Hermes Trimegisto, il Mercurio dei romani. Anche in questo caso nella mitologia cosiddetta greca, il nome di Hermes Trimegisto si spiega tramite il ricorso alla lingua albanese.

Hermes è “Err mes”, che nel dialetto ghego dell’Albania del Nord vuol dire: “Io ammazzo l’oscurità” o anche “Colui che sfida l’oscurità”, err – oscurità, buio, mesm(b)ys - ammazzo, uccido.

In principio, prima che i greci facessero la loro comparsa, una delle funzioni della divinità Hermes era l’accompagnamento dei defunti nella loro ultima dimora, cioè nell’aldilà (terri, l’oscurità, il buio pesto).

Anche per spiegare la parola “Trimegisto” dobbiamo affidarci alla lingua albanese. Questa parola, che i greci ritengono sia di tipo onomatopeico e dunque facilmente spiegabile come “tre volte grandissimo”, accompagna quasi sempre la divinità Hermes. La leggenda narra che Hermes inventò la lira, utilizzando il guscio della tartaruga come scatola di risonanza e le budella come corde. I pelasgi lo qualificarono come “Err mys – Kris me gishta” cioè “Hermes che suona con le dita”, Kris –suona, me – con, gishta – dita. Questo strumento, cioè la lira, più tardi venne associato ad Apollo.

Chi vuole approfondire l’argomento, può leggere il libro dell’autore Giuseppe Catapano “Thot parlava albanese” pubblicato a Roma nel 1984.

Brano liberamente tratto dal libro di Mathieu Aref, “Albanie ou l'incroyable odyssée d'un peuple préhellénique”.

6 commenti:

  1. Grazie per questo frammento di Aref.
    Da tempo avevo letto qualcosa del libro di Catapano,
    riflettendo bene ti viene la pelle d'oca solo a pensare la più reale corrispondenza del nome della divinità con il significato del verbo in albanese: THOT-COLUI CHE DICE

    RispondiElimina
  2. Bisogna tener' presente che la parola THOT,THEM (Dico,Dice). Deriva dallo stesso alb.THY,THYM,THEM,(letterario THYER)= spezzare,rompere,troncare ecc...Dove,per catturare la radice o logica che li accomuna, basta pensare che quando; si DICE,si PARLA ecc...Si rompe il silenzio! Ed è questo il privilegio della lingua albanese sulle altre lingue.La conservazione della radice! "Dire":significa anche rottura. THYT-à-N'KAMON= ROTTO NELLA GAMBA.Al faraone è stato trovato una frattura nella gamba. Si pensa che sia in qualche modo la causa di una morte in età cosi giovane.

    RispondiElimina
  3. Secondo me, se si vuole dare un significato con parole albanesi ad Hermes, io la vedo così: Her(a) mes, nel senso di "in mezzo al vento". Ermes era il messaggero degli dei , e per fare prima a quei tempi doveva volare, per questo era in mezzo al vento!!

    RispondiElimina
  4. Shënim të zotnisë nga Frashnita, i dymëdhjetë vjet më parë, katërmëdhjet vjet pas botimit të 'Thot parlava Albanese', kur ai qé 84 vjeç:

    "Egitto civilizzato dagli Atlashë, ascendenti vetustissimi e nobilissimi degli Albanesi - 'Gli Egiziani - già politeisti - beneficiari della civiltà atlashe [..], avviati con metafore delicate e gradualmente dai grandi iniziati dei templi misterici della Besa Heshte già dai tempi remotissimi delle 'dinastie divine', alla dottrina d'amore [..].'

    Siç shihet dhe nga këto rreshta të '98s, ky zotnia, tashmë i 'famshëm', Giuseppe Catapano, tërë jetën ka bësuar që gjuha e Thotit, hem 'Atlashtishtja' hem 'Besa - Heshte' hem 'egjiptianishtja faraonike', ishte Arbërishtja. Përse ky njëri me kaq guxim nuk është kundërshtuar? Sepse ai kapej tëpër atje ku nuk kapej vetë ngrehina egjiptologjike, d.m.th. faktet kontroverse. Por nuk është vetëm kjo arsye, ndoshta kjo është vetëm kryesorja.

    RispondiElimina
  5. Norbert!
    Kuptimi i Hermesit eshte pikrisht "mes",por nuk ka lidhje me "eren",sepse kemi shtremberimin e simbolit "i" gjate procesit te kopjimit dhe dhe c'kodifikimit.Me sakte ai emer eshte "Hirmes".Ajo kupton personin qe "hyn mes"-hirmes;ne lidhje me dy botet,ate te te gjalleve dhe ate te vdekureve.Zbertheni emrin e qytetit Messina qe te kuptoni me mire Hermes,Hirmes,Hinmes....Hermesi ishte nga vendi qe quhej "Sy Lëne" i Arkadia,vendi ku toka lindi qenien njerezoreper here te pare,pellazgun hyjnor.
    Hirmes ishte djali i Diellit(i ati) dhe yllit Maja(me e larta) e bashkesise se Plejades,motra e atit te lashte,Atlas.
    Te trjerat jane vetem shtremberime te trasha gjuhetaresh dhe historianesh mesjetare dhe moderne.Gjuha qe mendon;percakton,vendos,pershkruan,filozofon..
    ishte e vetmja dhe vetem gjuha shqipe.
    Atmir Ilias.

    RispondiElimina