domenica 24 ottobre 2010

Epiro è e rimarrà albanese

Riportiamo una lettera importante, diretta alla redazione del giornale Moniteur Universel di Parigi, pubblicata dallo stesso giornale nel Maggio 1879. Questa lettera è stata scritta dal patriota della Rilindja (rinascimento) albanese, Abdyl Frashëri.

Signor direttore!

Abbiamo rilevato, con nostro grande stupore, che il giornale “Republique Française”, il quale nella suimagea polemica non deroga mai dalle regole della modestia,  pubblicando alcune parti del Memorandum della Lega Albanese (Memorandumi i Lidhjes Shqiptare), ha scritto un commento tendente ad umiliare e ridicolizzare i nostri compatrioti.

A quell’articolo non abbiamo ancora dato alcuna risposta; “Republique Française”, ritornando sullo stesso argomento, Ha nuovamente tentato di ridicolizzare due rappresentanti della Lega Albanese. Un simile comportamento non ce lo aspettavamo affatto da un giornale che si schiera a favore delle guerre per la libertà dei popoli.

La Francia piange ancora la perdita delle sue regioni: gli abitanti di Alsazia e Lorena si lamentano ricordando che sono stati privati della loro reale appartenenza. Perché un giornale francese trova ridicoli gli Albanesi, i quali cercano di scongiurare il pericolo di una simile sciagura? Noi non siamo savant e neanche lo pretendiamo, ma la storia della nostra patria la conosciamo meglio di chiunque altro.

Gli abitanti dell’Epiro sono chiamati Pelasgi. Erodoto, Tucidide e Strabone giunsero alla conclusione che questo paese non sia mai stato parte della Grecia. Secondo Strabone, la Grecia a nord confinava con l’Acarnania e il golfo di Ambracia. Visto che la geografia antica non aiuta molto gli stessi Greci odierni, noi domandiamo a coloro che non hanno idee chiare: quale parte dell’Epiro è greca? Chi accetta gli argomenti dei sillogisti greci crederà che alla Magna Grecia appartengano non solo l’Albania ma anche la Macedonia, la Romania, la Tracia, l’Asia Minore, e perfino la vostra Marsiglia!!! L’Epiro oggi ha 650 mila abitanti. Quanti sono i Greci presenti in questo territorio, e dove vivono? A Korça? A Berat? Ad Argirocasto? Oppure nella regione chiamata Çamëria? Chi attraversa questi luoghi incontra soltanto Epiroti albanesi, non Epiroti greci. Sarebbe giusto sacrificare 650 mila abitanti albanesi puro sangue per assecondare i sillogisti greci e le loro speculazioni filosofiche?

L’attuale comportamento della Grecia dimostra che essa ha intenzione di imitare la Russia zarista!!! Ma la Russia sostiene le sue pretese con la forza, che per fortuna alla Grecia manca. Se i Greci fossero così forti come vogliono dimostrare (ma in realtà essi sono abili soprattutto nel produrre rumore), l’Europa non avrebbe più pace. Il principio della rassomiglianza della lingua porterebbe molto lontano i Greci nelle loro pretese, ma in primo luogo darebbe a noi (Albanesi) il diritto di richiedere ai Greci i duecentomila Albanesi che vivono in un quartiere di una città greca chiamato “Plakë”, ed anche di rivendicare le due isole Idra e Speca. L’Epiro è e rimarrà per sempre albanese come lo crearono la natura e la storia. È un peccato che il governo greco spenda per sostenere le tesi dei sillogisti enormi somme in denaro che potrebbe benissimo usare in maniera diversa. La nazione greca cerca di disseminare zizzania, ma non ingannerà nessun Europeo. Se la Grecia resterà ferma nelle sue aspirazioni e manterrà la sua condotta avida in dispregio della giustizia e dei diritti dei popoli, gli Albanesi dimostreranno una volontà ferrea nel difendere la loro patria fino in fondo, avendo giurato di non perdere neanche un palmo di terreno, ma piuttosto di morire se necessario. Quest’affermazione rappresenta il pensiero di tutti i nostri connazionali. L’Europa sarà responsabile di un’eventuale guerra distruttiva che si scatenerebbe in caso di annessione delle nostre terre da parte della Grecia. Sperando, signor direttore, che pubblicherete la nostra risposta, vi ringraziamo in anticipo.

Fonte: il giornale Tirana Observer.

1 commento:

  1. Rëzomat

    Nje argument deduktiv duhet te jete dysh i vlefshëm dhe i vërtetë. Nje Argument I vërtetë bazohet në nji bëremethën gjithësisht të pranuar dhe të mirë-pjekur.Nje fakt eshte i ndryshëm nga nji obinjon, i cili bazohet në nje preference personale. Nje argument i vlefshëm është nji që ndjek rrugën e të menduarit të arsyeshm.
    Rëzomat jane gabime ne bëremethën( e vërteta) ose ne arsyetim (vlefshmëria).Ato mund te ndodhin si pasojë e keqperdorimit ose shtrëmbërimit te fakteve,ose prej shtrëmbërimit të çështjes.
    Ne vazhdim janë disa nga format kryesore te rëzomave.
    1.Nuk zë kur i thur.Po e bashkoj ne nje te tëtrë termin “zëkurithur”.Nuk zëkurithur, e cila ne frengjisht ka shku ne “sequitur”.
    Nje percaktim qe nuk ndjek llogjikisht çfarë ështe thënë përpara saj.
    Rëzom:Gjuha greke moderne perdor alfabetin e greqishtes se vjetër;për këtë arsye grekët modern janë pasradhësit e Grekërvë të vjetër.
    2.Ad hominem:Me sulmue njeriun qe paraqet një çështje më tepër se me u marr llogjikisht me çeshtjen në vetvete.
    Rëzom:Libri i tij do t na bënte përshtypje më shumë sikur autori të mos ishte shqiptar.
    3. Majmunëri: Një argument duke thënë në fakt, “sejcili është duke bërë, ose duke thënë këtë, kështu duhet dhe mendoni dhe ju.
    Rëzom:Çdo njeri e vlereson si te vërtetë hsitorinë greke, keshtu që përse to mos e quaj dhe unë te tillë.
    4.Shmangja e vëmëndjes.
    Me ju dredhue çështjes se vërtetë duke tërhequr vëmendjen në nji çeshtje tjetër pa lidhje me çështjen në shqyrtim.
    Rëzom:Ne shqetësohemi për gjuhën Shqipe kur ne duhet të bëjmë diçka më shumë për të fituar zgjedhjet Partia Socilaiste.
    5.Nji ..dhe e dyta.
    Shpallur qe vetëm dy mundësi janë kur në fakt janë me shumë se dy.
    Rëzom:Gjuha shqipe ka vetëm dy mundësi të origjinës së saj: nji prej gjuhës Greke te vjetër ose prej gjuhës Latine.

    RispondiElimina